IMG_5040

Raccontarci di quel giorno

Sulla grande nave bianca

Terza classe sogni inquieti

Un’arancia tra le mani

Un panino nella carta

L’apprensione di mia madre

Le valigie sparpagliate

Il cappello di mio padre

Sguardo buio di mio nonno

Con la fine dentro l’anima

Tra le mani di mia nonna

Un fazzoletto bianco

Mare aperto nella notte

Alle spalle odore d’Africa

E i limoni del giardino

Vento in poppa

Ignoto a prua

Occhi chiari negli occhiali

Che si perdono nel cielo

Lo stupore e il batticuore

Quell’arancia è ancora qui

Sulla mia tovaglia bianca

Acqua chiara nella brocca

Con le briciole di allora

Il mio vento è stato buono

E io sono ancora il mare

 

Ivano Fossati « Mio fratello che guardi il mare »

Francesco Pagni© Fotografia e testo Video Youtube

bandiera